Statuto

STATUTO COSTITUZIONE  DENOMINAZZIONE E SEDE

ART. 1

E’ costituita in Pavia di Udine, località Selvuzzis e località Moretto, una Associazione denominata “PRO PAVIA”  ProLoco Pavia di Udine (già denominata“MANIFESTAZIONI LOCALI PRO LOCO PAVIA DI UDINE”) con sede a Pavia di Udine, Via Roma n. 14.

FINALITA’

 ART. 2

Gli scopi principali che l’Associazione si propone sono:

a)  promuovere festeggiamenti, gare, fiere, conferenze, spettacoli pubblici, convegni, gite,escursioni valorizzando innanzitutto le ricorrenze tradizionali locali;

b)  coordinare le iniziative e le manifestazioni di natura assistenziale, ricreativa, culturale,sportiva e di qualsiasi altro carattere nell’arco dell’anno;

c)  devolvere gli eventuali utili delle manifestazioni ad enti, associazioni ed istituti di assistenza e beneficenza, nonché culturali, ricreativi e sportivi di Pavia di Udine, Selvuzzis e Moretto ;

d)  promuovere i prodotti agricoli e organizzare mostre e convegni aventi come oggetto prodotti agricoli.

 COLLEGAMENTO CON ALTRE ISTITUZIONI

 ART. 3

L’Associazione potrà collaborare con enti ed associazioni aventi finalità analoghe per l’organizzazione di manifestazioni.

 APARTICITA’

 ART. 4

L’Associazione è apartitica.

 ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

 ART. 5

Sono organi dell’Associazione:

– l’Assemblea;

– il Consiglio Direttivo;

– il Collegio dei Revisori dei Conti.

 ANNO SOCIALE  ASSEMBLEA ANNUALE  SOCI

 ART. 6

L’anno sociale ha inizio il 1 gennaio e si conclude il 31 dicembre di ogni anno.

L’Assemblea è formata da tutti i soci.

Sono soci dell’Associazione tutti i cittadini maggiorenni di Pavia di Udine, Selvuzzis, Moretto che, aderendo ai suoi principi e finalità, ne facciano richiesta nel rispetto delle formalità previste dal Consiglio Direttivo, e in particolare siano in regola con il pagamento della quota sociale che viene stabilita all’inizio di ogni anno sociale dal Consiglio Direttivo. Le quote dei soci non sono trasferibili ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte.  

L’Assemblea ordinaria annuale è convocata ogni anno dal Consiglio Direttivo , entro il mese di gennaio, con invito scritto, recapitato almeno 8 (otto) giorni prima della data di convocazione e contenente l’ordine del giorno ed il tagliando per la delega al voto.

L’Assemblea straordinaria può essere convocata:

– per iniziativa del Consiglio Direttivo;

– per iniziativa di almeno 1/3 (un terzo) dei soci, a mezzo richiesta scritta al Presidente del Consiglio Direttivo;

– su richiesta scritta di almeno 2/3 (due terzi) dei membri del Consiglio Direttivo;

– su richiesta scritta dei Revisori dei Conti.

In ogni caso l’Assemblea avrà luogo entro 30 (trenta) giorni della richiesta scritta.

L’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria (salvo quanto previsto all’articolo 7), sarà validamente costituita in prima convocazione con la presenza, di persona o per delega, della metà più uno dei soci aventi diritto al voto; in seconda convocazione, che potrà aver luogo un’ora o anche mezz’ora dopo la prima, qualunque sia il numero dei presenti o rappresentanti.

Ogni cittadino non può avere più di una delega.

Organi assembleari:

su proposta del Presidente del Consiglio Direttivo si nomina: il Presidente dell’Assemblea, il Segretario e, qualora siano richieste operazioni di voto per il rinnovo del Consiglio Direttivo e dei Revisori dei Conti, i due Scrutatori.

Il Consiglio Direttivo curerà la costituzione dell’Ufficio elettorale per la verifica dei poteri (consegna delle schede ai cittadini).

Di ogni Assemblea si redigerà il verbale che verrà letto ed approvato nell’Assemblea successiva.

Le decisioni adottate in Assemblea diventano vincolanti per l’attività del Consiglio Direttivo.

 ART. 7

Spetta all’Assemblea:

– discutere ed approvare la relazione morale e finanziaria ed il bilancio consuntivo;

– indicare le linee orientative per il programma di vita associativa;

– eleggere il Consiglio Direttivo ed il Collegio dei Revisori dei Conti fra tutti i cittadini maggiorenni di Pavia di Udine, Selvuzzis e Moretto anche se non soci;

– approvare le modifiche allo statuto, qualora le modifiche siano poste all’ordine del giorno e siano presenti o rappresentati in assemblea, in prima convocazione il 51% (cinquantuno per cento) dei soci aventi diritto al voto ed in seconda convocazione tante persone quanti sono i componenti del Consiglio Direttivo più il Consiglio Direttivo stesso.

 IL CONSIGLIO DIRETTIVO

 ART. 8

L’Assemblea elegge il Consiglio Direttivo stabilendo il numero dei componenti e la sua durata in carica.

Il Consiglio Direttivo elegge, al proprio interno, un Presidente, un o più Vice Presidente,un Segretario ed un Cassiere.

Il Consiglio Direttivo può decadere in anticipo sul mandato qualora:

– due terzi dei Consiglieri diano dimissioni scritte;

– non riesca a tenere riunioni in cui si possa decidere validament e per mancanza del numero legale.

Un Consigliere che si dimette viene sostituito col primo dei non eletti.

Il Consiglio Direttivo si riunisce su convocazione del Presidente; ne possono provocare la riunione anche le richieste scritte da parte di un terzo dei Consiglieri o dei Revisori dei Conti. La convocazione deve esser notificata almeno 5 (cinque) giorni prima, fatti salvi i casi di estrema necessità. Di ogni riunione dovrà essere redatto verbale.

Sono compiti del Consiglio Direttivo:

– studiare e promuovere tutte le iniziative inerenti le finalità dell’Associazione ed attuare quanto disposto nell’Assemblea;

– compilare il bilancio consuntivo e le relazioni morale e finanziaria per l’Assemblea stessa; curare l’ordinaria e la straordinaria amministrazione;

– dichiarare decaduto il Consigliere che per tre volte consecutive si rende assente, salvo che sia impedito da grave o giustificato motivo.

– stabilire all’inizio di ogni anno Sociale l’importo della quota sociale, che i Soci sono tenuti a versare.

 PRESIDENTE

 ART. 9

Il Presidente è il legale rappresentante dell’Associazione; con il Consiglio Direttivo dirige l’Associazione e risponde di fronte all’Assemblea delle decisioni prese.

 TECNICI AGGIUNTI

 ART. 10

Qualora se ne ravvisi la necessità, vi potranno essere uno o più tecnici, nominati dal Consiglio Direttivo, i quali opereranno in stretta collaborazione con i membri del Consiglio Direttivo stesso.

 REVISORI DEI CONTI

 ART. 11

Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri nominat i dall’Assemblea, i quali durano in carica per lo stesso periodo indicato per il Consiglio Direttivo. La carica di Revisore dei Conti è incompatibile con qualsiasi altra carica dell’associazione stessa. I Revisori dei Conti devono riunirsi almeno una volta all’anno e per ogni riunione redigere regolare verbale.

Esercitano la vigilanza sull’amministrazione del Consiglio Direttivo e, rilevando irregolarità amministrative, devono comunicarle per iscritto al Consiglio Direttivo stesso; ogni comunicazione deve essere fatta almeno otto giorni prima della data fissata per l’eventuale Assemblea.

I Revisori dei Conti devono essere convocati ogni qualvolta si riunisce il Consiglio Direttivo.

 ART. 12

Tutte le prestazioni effettuate dai componenti del Consiglio Direttivo e dai Revisori dei Conti,  nell’assolvimento delle mansioni a loro affidate, si intendono espressamente fatte a titolo gratuito.

 IL PATRIMONIO SOCIALE

 ART. 13

Il patrimonio sociale è costituito:

– da eventuali contributi di Enti e/o privati e da qualsiasi altra fonte di erogazione;

– dalle attrezzature acquistate;

– da qualsiasi altra entrata realizzata con l’organizzazione di attività.

 SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE

 ART. 14

L’Associazione può sciogliersi in seguito a decisione dell’Assemblea s traordinaria.  L’Assemblea stessa deciderà la forma ad i tempi di passaggio di consegna del patrimonio sociale ad altri Enti od istituzioni di pubblica utilità esistenti nel capoluogo, salvo diversa destinazione imposta dalla legge sentito, se necessario, l’organo di controllo di cui all’art.3, comma 110, della Legge 23 dicembre 1996 n.662.

 ART. 15

Per quanto non espressamente contemplato nel presente Statuto si fa riferimento alle norme contenute nel Codice Civile ed alle leggi in materia.


Utilizziamo solo cookie tecnici per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.